VITTORIA CON BONUS E CINQUE PUNTI: LE ZEBRE HANNO LA MEGLIO CONTRO L'ISUZU SOUTHERN KINGS



Zebre Rugby Club Vs Southern Kings 32-16 (p.t. 17-7)

Marcatori:5‘ m Fabiani tr Canna (7-0); 15’ cp Canna (10-0); 16‘ m Botha tr Banda (10-7); 38‘ m Bellini tr Canna (17-7); s.t.10‘ cp Banda (17-10); 14’ cp Banda (17-13); 16‘ m Tuivaiti tr Canna (24-13); 20’ s.t. cp Banda (24-16); 28’ s.t. cp Canna (27-16); 40‘ m Tauyavuca (32-16);

Zebre Rugby Club:Minozzi (18’ Padovani), Bellini, Bisegni, Castello (cap), Venditti, Canna, Violi; Giammarioli (35’ s.t. Tauyavuca), Meyer, Sisi, Biagi, Krumov (9’ s.t. Tuivaiti), Chistolini (9’ s.t. Zilocchi), Fabiani (34’ s.t. Ceciliani), Lovotti (21’ s.t. Rimpelli) (Non entrati: Palazzani, Brummer) All.Bradley

Southern Kings:Botha , Makase, Klassen H. (34’ s.t. Beyers), Klassen B. (29’ s.t. Du Toit), Penxe, Banda, Van Rooyen (18’ s.t. Masimla); Lerm (18’ s.t. Ntsila), Burger, Brown De Wee, Oelofse (12’ s.t. Astle), Pupuma (24’ s.t. Mguca), Willemse (cap) (7’ s.t. Van Rooyen), Forwood (18’ s.t. Ferreira) All.Davids

Arbitro:Mike Adamson (Scottish Rugby Union)

Assistenti:Keith Allen(Scottish Rugby Union) e Manuel Bottini (Federazione Italiana Rugby)

TMO:Stefano Penné (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori:Canna (Zebre Rugby Club) 5/6, Banda (Southern Kings) 3/3

Cartellini:al 31’ s.t. giallo a Ntsila (Southern Kings), al 38’ s.t. giallo a De Wee (Southern Kings)

Man of the match:Giammarioli

Punti in classifica:Zebre Rugby Club 5, Southern Kings 0

Note: Cielo coperto. Temperatura 22°. Terreno in ottime condizioni. Spettatori 3000. Esordio nel Guinness PRO14 e con le Zebre in gara ufficiale per Ceciliani, Zilocchi e Tauyavuca.

Commento:Le Zebre ripartono da dove hanno lasciato il Guinness PRO14, con una vittoria contro i sudafricani Southern Kings superati al Lanfranchi per 32-16 nel primo turno della stagione 2018/19. Col successo arrivano anche i cinque punti per la franchgia federale capace di segnare la quarta meta all’ultimo assalto dopo una gara sempre avanti nel punteggio. Le Zebre allungano a quattro il numero di successi consecutivi nel torneo celtico ma non possono festeggiare pienamente per l’infortunio a Minozzi costretto a lasciare il campo dopo 18 minuti per un infortunio. L’indisciplina costa cara ai sudafricani nel primo tempo con le Zebre capaci di colpire con Fabiani dopo una maul e con Bellini di forza a fine tempo: in mezzo la meta di Botha abile a sgusciare tra le maglie italiane. Ad inizio ripresa si fanno sotto i sudafricani sfruttando il piede di Banda ma è il neo entrato Tuivaiti a spedire oltre il break i Kings con una splendida meta personale al debutto al Lanfranchi dopo l’esperienza da permit player della scorsa stagione. Il finale è tutto a tinte multicolor, quelle della nuova maglia delle Zebre che spingono per cercare la quarta meta del bonus che arriva all’80° in superiorità numerica dopo alcune buone opportunità non sfruttate.

Cronaca:il primo fallo è dei sudafricano al 3° con un fuorigioco: Canna trova la rimessa ai 5 metri e la maul delle Zebre avanza fino a pochi centimetri dalla meta. Il calcio passaggio di Canna per poco non è controllato da Venditti con Adamson che torna su un vantaggio. Dopo la seconda touche ai 5 metri è il pack italiano ad andare in meta con Fabiani. Rispondono i sudafricani con la pressione al piede al 9° ma controllano bene le Zebre che risalgono alla mano dai 22 e poi trovano il fallo il mischia chiusa sui propri 22. L’indisciplina degli ospiti frutta un altro fallo al 12° per i bianconeri che attaccano così con la rimessa sui 22 opposti. Sulla quinta penalità Canna decide di piazzare da posizione centrale portando le Zebre oltre il break al 15°. Sull’altro fronte sono i Kings a trovare la prima meta con una bella azione alla mano che avanza sfruttando la superiorità al largo destro: è l’estremo Botha a superare Sisi e segnare con Banda che trasforma per il 10-7. Al 18° il gioco si ferma per soccorrere Minozzi che è costretto a lasciare il campo in barella per Padovani. Alla ripresa delle ostilità il XV del Nord-Ovest é vicino alla meta dopo la rimessa in attacco ma non riesce a trovare punti. Anche la formazione di Port Elizabeth si rende pericolosa subito dopo con un’azione di contrattacco nata da un pallone vagante ricalciato in avanti; è bravo Fabiani a recuperarlo nei 22 italiani. Dopo alcuni ingaggi sale il nervosismo in campo con i Kings a sfruttare la situazione per recuperare il pallone in ruck riproponendosi sull’ala sinistra; un passaggio in avanti nega la possibile meta del vantaggio al XV di coach Davids al 29°. Castello e compagni provano a muovere l’ovale riuscendo ad avanzare alla mano; Adamson sanziona Lerm per un placcaggio senza ovale ma il lancio di Fabiani non è controllato dai saltatori italiani. I bianconeri spingono e trovano metri anche con l’azione personale di Giammarioli al 34° e poi ancora con Bisegni su riciclo di Biagi sull’out opposto ma controlla la difesa sudafricana. Il buon momento delle Zebre è premiato con la meta di Bellini di forza a due minuti dall’intervallo.

Le Zebre ripartono con piglio con un bell’avanzamento di Meyer che ricicla per Giammarioli fermato sui 22. Si alza il ritmo di gioco ad inizio ripresa con i Kings che scelgono la pressione al piede per ritrovare territorio e una rimessa in attacco dopo il calcio di liberazione di Padovani. L’ovale è recuperato sul punto d’incontro con le Zebre che strappano 60 metri grazie ad una spledida azione alla mano innescata da Bellini. Il botta e risposta continua con i Kings che ancora ribattono al piede costringendo al 46° Meyer a portare fuori l’ovale sui 10 metri. Al 49° arriva il primo fallo fischiato alle Zebre per un fuorigioco a 40 metri dal’H del Lanfranchi: Banda centra i pali per il 17-10. Un fallo in ruck del neo entrato Tuivaiti frutta un altro piazzato per Banda che da 25 metri accorcia ancora portando i Southern Kings a -4 al 54°. Il flanker neozelandese delle Zebre si fa perdonare subito dopo con un’azione personale di rara bellezza: il neo acquisto della franchigia federale rompe due placcaggi e va a segnare la sua prima meta con la maglia multicolor. Canna trasforma e rimane 100% dalla piazzola da posizione molto defilata. All’ora di gioco il direttore di gara fischia il terzo fallo contro le Zebre sanzionando Tuivaiti per un placcaggio alto: Banda non sbaglia per il 24-16. Cresce anche la rimessa laterale delle Zebre con Biagi a rubare una pericolosa touche sui 22 italiani dopo l’ennisima pressione messa col gioco al piede dai sudafricani. Al 67° su un punto d’incontro in attacco arriva il fischio a favore delle Zebre: Canna decide per i pali da 35 metri allungando a +11. I bianconeri vanno vicino alla meta del bonus con un’azione personale di Venditti che c’invola in solitario ma è fermato a 10 metri dalla meta. L’azione si chiude col fallo di Ntsila che colpisce volontariamente il pallone in avanti e viene ammonito. Castello opta per la rimessa col drive italiano che avanza. Dopo un lungo multifase il pallone scoppia in avanti ai 5 metri su una carica di Meyer al 73°. Le Zebre continuano a premere alla ricerca della quarta meta: dopo la rimessa di Ceciliani c’è il fallo della difesa contro la maul italiana. La lunga azione alla mano vede i Kings recuperare l’ovale sul punto d’incontro ma è brava la difesa italiana a costringere gli ospiti al tenuto. Altra rimessa ai 5 metri al 78° e per poco i bianconeri non trovano la segnatura. L’indisciplina sudafricana da ancora un’opportunità alle Zebre che a 20 secondi dalla fine trovano la quarta meta in superiorità numerica con Tauyavuca dopo il giallo a De Wee. I bianconeri chiudono con 5 punti all’esordio nel Guinness PRO4 e portano per la prima volta a 4 la striscia di successi consecutivi nel torneo issandosi in testa al girone A.


M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.