Playoff scudetto, Rovigo fa sua la gara di andata della seconda semifinale

29/4/2018

 

La seconda semifinale dei playoff scudetto inizia con una giornata caratterizzata dal vento e dalla pioggia. A Rovigo buona presenza di pubblico per questa gara che in altre occasioni serviva per assegnare lo Scudetto. Parte in attacco il XV rodigino e guadagna una punizione per un fuorigioco avversario. I primi tre punti li porta a casa Mantelli al 2’. Cerca subito di rispondere Calvisano che guadagna un fallo in mischia chiusa. Gli ospiti decidono di andare in touche all’altezza degli 8 metri, da rimessa pallone che esce dalla maul, calcetto in avanti che viene annullato nella propria area di meta dai rossoblù. All’11’ i calvini pareggiano 3-3 con Novillo per una punizione nata da un fuorigioco dei veneti. Azione pericolosa del Rovigo che si avvicina ai 22 metri avversari grazie alla poca disciplina dei bresciani. Da una touche nasce una maul, pallone che esce al largo, e ovale che non viene schiacciato. Altra folata dei Bersaglieri e questa volta è un in avanti di Ferro che vanifica l’azione di meta a metà della prima frazione di gioco. Però al 24’, dopo un dominio territoriale durato diversi minuti, da una mischia ordina stappata fallosamente dal Calvisano, Mantelli riporta in vantaggio i suoi 6-3. Si continua a tentare di aggiornare il risultato con i calci di punizione. Ne guadagna un altro il team di coach Brunello al 32’, Novillo colpisce il palo, pallone che torna giocabile, ma ancora una volta Rovigo commette fallo. E questa volta al 33’ arriva il 6-6. Finisce così si va al riposo. Ad inizio del secondo tempo, maggiore presenza territoriale dei padroni di casa, e poi al 52’ giallo per Tuivati. Nonostante l’inferiorità numerica i gialloneri potrebbero passare in vantaggio al 61’ con un piazzato facile di Novillo, ma il numero dieci sbaglia. Invece al 66’ è Mantelli che porta il risultato sul 9-6. Al 72’ Mantelli colpisce male il pallone dalla piazzola e sciupa l’occasione di incrementare il vantaggio. Si torna in parità al 78’ con i pali centrati di Novillo e risponde Rovigo al 79’ con Mantelli, 12-9. E finisce così una gara che ha proposto l'attesto schema delle due formazioni. Poche occasioni per trovare la marcatura importante. Si deciderà tutto quanto nel match di ritorno.

Femi-CZ Rovigo-Patarò Calvisano 12-9

Marcatori: p.t. 2’ cp. Mantelli (3-0); 11’ cp. Novillo (3-3); 25’ cp. Mantelli (6-3); 37’ cp. 37’ Novillo (6-6); 28’ cp. Mantelli (9-6); 38’ cp. Novillo (9-9); 40’ cp. Mantelli (12-9)

Femi-CZ Rovigo: Cioffi; Barion, Majstorovic, Van Niekerk, Odiete; Mantelli, Chillon; Ferro (cap), Lubian E., De Marchi (5’ st. Ruffolo, 40’ st. Davies); Boggiani, Ortis (23’ st. Parolo); D’Amico (27’ st. Pavesi), Momberg, Brugnara (27’ st. Muccignat)
all. McDonnell/Casellato

Patarò Calvisano: Tuimavave; Balocchi, Chiesa, Lucchin (28’ st. Mortali, Bruno; Novillo, Semenzato (37’ st. Casilio); Tuivaiti, Zdrilich (26’ st. Archetti), Pettinelli; Andreotti, Cavalieri (34’ st. Cavalieri); Zilocchi (39’ st. Biancotti), Morelli (cap, 32’ st. Giovanchelli), Fischetti (32’ st Rimpelli)
all. Brunello

arb. Mitrea
Note: terreno in ottime condizioni, pomeriggio piovoso. In tribuna il Presidente della FIR Alfredo Gavazzi. 2500 spettatori.
Cartellini: 11’ st. giallo Tuivaiti (Calvisano)
Man of the Match: Ferro (Femi-CZ Rovigo)
Calciatori: Mantelli (Rovigo) 4/5; Novillo (Calvisano) 3/5

 

 

 

Please reload

Post recenti
Please reload

M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.