L'Italia U20 batte 29-17 la Georgia e chiude al nono posto il World Rugby U20 Championship

22/6/2019

 

Con una grande prestazione l’Italia Under 20 batte 29-17 i pari età della Georgia e chiude al nono posto il World Rugby U20 Championship confermandosi nell’elite giovanile internazionale.

 

Il match

Gara per lunghi tratti in mano alla squadra di Roselli che dopo un breve momento negativo ad inizio del secondo tempo, riesce a portare dalla propria parte il risultato con una grande reazione.

 

Pressione costante degli Azzurrini che nelle prime battute di gioco chiudono letteralmente la Georgia nella propria metà campo andando vicini al vantaggio con Nocera che al 7’ viene fermato ad un passo dalla linea di meta. Il dominio della squadra di Roselli porta i suoi frutti al 12’ quando da una touche guadagnata dopo un’azione personale di Trulla, l’Italia trova la meta con Drudi che finalizza al meglio la maul nata dalla rimessa laterale. Garbisi con la trasformazione sposta il parziale sul 7-0.  

 

Dopo l’unica offensiva georgiana nel primo tempo al 20’, gli Azzurrini sfiorano il raddoppio nuovamente con Drudi con un’azione fotocopia della prima meta che viene fermata dalla difesa avversaria.

 

Il ritmo elevato e la pressione mettono in difficoltà la Georgia che più volte ricorre ad azioni fallose per fermare gli avversari. Al 34’ il XV di Maisuradze resta in inferiorità numerica per il giallo rimediato da Simsive ma Garbisi non sfrutta il calcio piazzato seguente con il risultato che resta sul 7-0. L’imprecisione in attacco costa caro agli Azzurrini che non riescono ad allungare il divario con gli avversari che in chiusura di tempo al 42’ accorciano le distanze con un calcio piazzato di Abzhandadze – in una delle rare sortite offensive – chiudendo la prima frazione sul 7-3.

 

Inizio di ripresa del tutto diverso per la Georgia che spinge sull’acceleratore e, una volta ristabilita la parità numerica, trova il primo vantaggio del match con il neo entrato Kavtaradze che sfrutta la sua velocità sul lato mancino d’attacco per trovare il varco giusto nella difesa italiana e servire a Tapladze la palla della prima meta georgiana della partita che con la trasformazione di Abzhandadze vale il momentaneo 7-10.

 

Passano cinque minuti e i georgiani vanno nuovamente in meta con Alania che sfrutta una disattenzione della difesa azzurra per involarsi in solitaria verso i pali avversari. Il numero 10 dei Lelos trasforma e sposta il parziale sul 7-17.

 

L’Italia rialza la testa con gli innesti dalla panchina – Capuozzo e Mori – che confezionano la seconda meta azzurra firmata dal centro italiano che finalizza un gran lavoro di squadra al minuto 59’ accorciando le distanze sul 14-17.

 

Gli Azzurrini ritrovano confidenza nei propri mezzi e al 66’ ribaltano il passivo con Garbisi che con un calcio millimetrico premia la corsa di Trulla – spostato all’ala dopo l’ingresso di Capuozzo – che va in solitaria in meta in mezzo ai pali. Garbisi trasforma per il parziale di 21-17.

 

Passano tre minuti e il numero 10 Azzurro centra i pali su calcio piazzato aumentando le distanze con gli avversari e portando la sua squadra sul 24-17.

 

Il mediano di apertura italiano ha l’occasione per incrementare il divario nel risultato ma al 74’ sbaglia il suo secondo calcio piazzato del match da circa 30 metri in posizione defilata.

 

La Georgia non riesce più ad imbastire un’azione degna di nota e il XV di Roselli ne approfitta per chiudere la partita con il neo entrato Capuozzo che sull’out mancino d’attacco sfrutta al meglio la sua velocità per andare in meta accanto alla bandierina realizzando la sua seconda meta personale del torneo e chiudendo la partita sul 29-17.

 

“Sono davvero contento per la prestazione. E’ stata una partita difficile che poteva mettersi in modo negativo nel secondo tempo ma siamo stati bravi a reagire. E’ un onore giocare con i miei compagni e aver chiuso il Mondiale con una vittoria insieme a loro” ha commentato capitan Ruggeri al termine della partita.

 

Rosario (Argentina) – Club Old Reslan, sabato 22 giugno

World Rugby U20 Championship, finale 9 posto

Italia U20 v Georgia U20 29-17 (7-3)

 

Marcatori: p.t. 12’ m. Drudi tr. Garbisi (7-0), 42’ c.p. Abzhandadze (7-3); s.t. 48’ m. Tapladze tr. Abzhandadze (7-10); 53’ m. Alania tr. Abzhandadze (7-17); 59’ m. Mori tr. Garbisi (14-17); 66’ m. Trulla tr. Garbisi (21-17); 69’ c.p. Garbisi (24-17); 78’ m. Capuozzo (29-17)

 

Italia U20: Trulla; Mastandrea, Moscardi (57’ Mori), Mazza, Lai (51’ Capuozzo); Garbisi, Fusco (41’ Citton); Koffi (67’ Finotto), Ruggeri (cap) Chianucci; Zambonin, Stoian; Nocera (57’ Alongi), Marinello (63’ Taddia), Drudi (74’ Michelini)

A disposizione non entrati: Franceschetto, Parolo, Maurizi, Da Re, Bertaccini, Mba

All. Roselli

 

Georgia U20: Tchitchinadze (68’ Lomidze); Lashkhi, Tapladze, Simsive, Marjanishvili (39’ Kavtaradze); Abzhandadze (cap.), Alania (57’ Margalitadze); Iashagashvili, Gusharashvili, Burchuladze (49’ Kolotauri); Gvimradze (41’ Jincharadze), Gelashvili; Kharaishvili, Karkadze (57’ Nioradze), Gvaladze

A disposizione non entrati: Azariashvili, Tevdorashvili, Margiani, Tsintsadze, Koriauli, Papunashvili, Tchelidze

All. Maisuradze

Arb. De Luca (UAR)

 

Cartellini: al 34’ giallo a Simsive (Georgia U20)

Calciatori: Garbisi (Italia U20) 4/7; Abzhandadze (Georgia U20) 2/2

Punti conquistati in classifica: Italia U20 5 ; Georgia U20 0

 

Please reload

Post recenti
Please reload

M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.