Pro14: annunciata la formazione delle Zebre per la trasferta di Newport contro i Dragons

29/11/2019

fonte@ZebreRugby 

 

 

Archiviata la prima finestra di Challenge Cup che ha visto le Zebre sfidare gli Inglesi Bristol Bears e i Parigini dello Stade Français, si ritorna a giocare sui campi del Guinness PRO14.

 

Sabato 30 novembre Bisegni e compagni saranno attesi a Newport in Galles nel match valevole per il 7°turno torneo.

 

Avversari di giornata saranno i Dragons, reduci da due successi pieni nei primi due fine settimana di gioco della coppa cadetta.

 

Il calcio di inizio della sfida è fissato alle ore 18:15 italiane al RodneyParade, storico impianto di oltre 11 mila posti inaugurato nel 1877.

 

La partita sarà trasmessa in diretta televisiva su Dazn, ma sarà anche possibile seguire la cronaca testuale del match sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag #DRAvZEB.

 

Due le vittorie stagionali in campionato celtico raccolte sin qui dalla formazione casalinga, attualmente 5° nel Girone A del torneo a quota 9 punti.

 

La “Conference” è la stessa della franchigia federale, benché quest’ultima alberghi al 7° ed ultimo posto con appena 2 punti totalizzati.

 

Le due squadre torneranno ad affrontarsi dopo essere già scese in campo da rivali lo scorso 5 ottobre a Parma, data in cui i Gallesi ebbero la meglio sui padroni di casa, aggiudicandosi il 2° turno del Guinness PRO14 per 28 a 52.

 

Complessivamente, sono invece 13 i precedenti disputati tra le due compagini, con i Dragons usciti vittoriosi in otto occasioni distribuite dal 2012 ad oggi.

 

Nel bilancio degli scontri anche un pareggio, ottenuto il 29 marzo 2014 nel 18° fine settimana di gioco dell’allora “RaboDirect PRO12”.

 

L’ultimo incontro tra Zebre e Dragons cadde in concomitanza con lo svolgimento della nona edizione della Coppa del Mondo.

 

Per l’occasione la formazione italiana ha dovuto fare a meno di dieci dei suoi giocatori impegnati con Parisse e compagni in Giappone, laddove la squadra di Newport scontava l’assenza di tre soli Nazionali impiegati nella rosa gallese che ha concluso la propria avventura nella Rugby World Cup 2019 in semifinale.

 

Questa volta, a parti invertite, se da un lato la franchigia federale ha potuto già da tempo riabbracciare il rientro dei propri Azzurri, lo staff tecnico presieduto dall’Inglese Dean Ryan non potrà contare per la gara di questo fine settimana su cinque atleti inseriti dal neo ct dei Dragoni Wayne Pivac nella formazione gallese scelta per affrontare il club ad inviti dei Barbarians.

 

Si tratta dei quattro avanti Elliot Dee, Leon Brown, Ollie Griffiths e Aaron Wainwright e della giovane apertura Sam Davies.

 

Il match andrà in scena al Principality Stadium di Cardiff alle ore 15:45 italiane e vedrà tra i suoi protagonisti anche il centurione delle Zebre George Biagi, convocato per l’occasione dall’allenatore dei bianconeri Warren Gatland e pronto a subentrare a gara in corso.

 

Rispetto alla formazione scesa in campo sabato scorso al Lanfranchi, sono quattro i cambi nel XV multicolor scelto per affrontare i Dragons.

 

Le novità riguardano il pack degli avanti, dove partiranno dal 1’ il pilone sinistro Danilo Fischetti, il tallonatore reggiano Luca Bigi e il n° 8 Renato Giammarioli, e il ruolo di mediano di mischia, con il nocetano Marcello Violi che ritrova per l’occasione la maglia da titolare.

 

In panchina si rivede infine Johan Meyer, tornato nuovamente arruolabile una volta scontata la squalifica di due settimane inferta al flanker sudafricano a seguito del cartellino rosso ricevuto al 55’ della sfida con i Glasgow Warriors.

 

A dirigere l’incontro sarà il veterano irlandese George Clancy, alla sua 119° apparizione in campionato celtico.

 

Per il 42enne di Limerick si tratterà inoltre della decima gara arbitrata con in campo i giocatori della franchigia federale, l’ultima delle quali proprio nel 1° turno del torneo di quest’anno, in scena a Murrayfield contro l’Edinburgh Rugby.

 

Gli assistenti designati sono il Gallese Simon Rees e l’Irlandese Mark Patton, mentre il TMO nominato è Colin Stanley.

 

La formazione dello Zebre Rugby Club che sabato 30 novembre alle ore 18:15 italiane scenderà in campo contro i Gallesi Dragons al Rodney Parade di Newport nel 7° turno di Guinness PRO14:

 

15 Edoardo Padovani* (76)

14 Charlie Walker (6)

13 Giulio Bisegni (90) (Cap)

12 Tommaso Boni* (79)

11 James Elliott (26)

10 Carlo Canna (84)

9 Marcello Violi (57)

8 Renato Giammarioli* (37)

7 Giovanni Licata* (30)

6 Maxime Mbandà* (44)

5 Ian Nagle (5)

4 Mick Kearney (6)

3 Giosuè Zilocchi* (23)

2 Luca Bigi (3)

1 Danilo Fischetti* (11)

 

A disposizione:

16 Oliviero Fabiani (111)

17 Andrea Lovotti* (88)

18 Eduardo Bello (34)

19 David Sisi (47)

20 Johan Meyer (84)

21 Joshua Renton (23)

22 Michelangelo Biondelli* (5)

23 Pierre Bruno (7)

All. Michael Bradley

 

Non disponibili per infortunio: Mattia Bellini, Francois Brummer, Tommaso Castello, Massimo Ceciliani*, Gabriele Di Giulio*, Jimmy Tuivaiti

 

Convocato con i Barbarians: George Biagi

 

Squalificato: Apisai Tauyavuca

 

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

 

Arbitro: George Clancy (Irish Rugby Football Union)

Assistenti: Simon Rees (Welsh Rugby Union) e Mark Patton (Irish Rugby Football Union)

TMO: Colin Stanley (Irish Rugby Football Union)

 

 

Please reload

Post recenti
Please reload

M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.