Secondo successo pieno per le Zebre: a Calvisano il XV di Bradley supera 27 a 24 il Brive

7/12/2019

 

fonte@ZebreRugby

 

Calvisano (Italia) – 7 dicembre 2019
EPCR Challenge Cup 2019/2020 – Pool 4, Round 3

Zebre Rugby Club Vs CA Brive 27-24 (p.t. 24-3)

 

Marcatori: 3’ Balekana (5-0); 12’ cp Abzhandadze (5-3); 23’ Canna tr Canna (12-3); 33’ Licata tr Canna (19-3); 35’ Elliott (24-3); s.t. 68’ Buliruarua tr Abzhandadze (24-10); 72’ cp Violi (27-10); 74’ Da Ros tr Abzhandadze (27-17); 81’ Delarue tr Abzhandadze (27-24)

 

Zebre Rugby Club: Laloifi (63’ Padovani), Balekana, Bisegni (Cap), Lucchin, Elliott, Canna (76’ Biondelli), Palazzani (60’ Violi), Sisi (69’ Masselli), Meyer, Licata, Biagi (60’ Ortis), Krumov Bello (60’ Tenga), Fabiani (50’ Manfredi), Fischetti (53’ Rimpelli); 

All. Bradley

 

CA Brive: Scholes (16’ Ramette; 26’ Scholes), Jurand, Galletier, Dunbar (59’ Darthou), Buliruarua (68’ Ramette), Abzhandadze, Delord (53’ Delarue), Fa’aso’o, Abadie, Cerqueira, Lebas (Cap) (68’ Tronc), Uys (58’ Voisin), Japaridze (53’ Doge), Karkadze (57’ Da Ros), Asieshvili (53’ Thomas); 

All. Davidson

 

Arbitro: Tom Foley (Rugby Football Union)
Assistenti: Jack Makepeace (Rugby Football Union) e Rob Warburton (Rugby Football Union)
Calciatori: Carlo Canna (Zebre Rugby Club) 2/6; Tedo Abzhandadze (CA Brive) 3/3; Marcello Violi (Zebre Rugby Club) 1/1
Cartellini: 66’ giallo a Carlo Canna (Zebre Rugby Club); 76’ giallo a Paula Balekana (Zebre Rugby Club)
Man of the match: Giovanni Licata (Zebre Rugby Club)
Punti in classifica: Zebre Rugby Club 5, CA Brive 1

Note: Cielo parzialmente nuvoloso. Temperatura 7°. Spettatori 2000. Esordio in European Rugby Challenge Cup per Junior Laloifi e Enrico Lucchin.

 

 

Cronaca: Rientrate a Parma da Newport dopo aver ottenuto la loro prima vittoria stagionale, le Zebre sono tornate a giocare in Challenge Cup.

 

Location d’eccezione del 3° turno di coppa è stato il Pata Stadium di Calvisano, stadio di riserva della franchigia federale e sede per l’occasione della gara contro il Brive a causa dell’impraticabilità del terreno di gioco del Lanfranchi, rovinatosi dopo le precipitazioni eccezionali abbattutesi su tutto il Nord Italia.

 

Si presenta nel migliore dei modi la formazione allenata da coach Bradley, in meta già al 3’ con Paula Balekana.

 

Dopo aver ricevuto il drop di inizio gara e aver guadagnato un calcio di punizione, le Zebre costruiscono la giocata della marcatura da touche sfruttando le belle mani dei trequarti.

 

Il Brive si ripresenta nella metà campo dei padroni di casa ottenendo mischia a favore per un velo.

 

Gli Italiani difendono bene col pack, rubando anche il possesso dell’ovale con l’intercetto di Carlo Canna ma al 9’ concedono la rivincita agli avanti Transalpini.

 

La squadra in maglia bianconera lucra infatti due pesanti penalità prima in mischia e poi in touche, trasformando la seconda con i tre punti di Abzhandadze quando siamo al 12’.

 

Le Zebre reagiscono con orgoglio strappando due importanti calci di punizione a favore e guadagnando 40 metri di campo.

 

Al 20’ Canna ci prova dalla piazzola fallendo nel tentativo, ma tempo 2’ e il n°10 Azzurro ferirà la difesa ospite con una meta, concretizzando il secondo vantaggio segnalato dall’arbitro e punendo i Francesi col massimo della pena.

 

Non cessa l’indisciplina del Brive: gli Italiani ne approfittano e vanno nuovamente in meta al 33’ con Giovanni Licata dopo aver sbagliato il piazzato con Canna.

 

I Francesi si riaffacciano nella metà campo delle Zebre, perdendo però il possesso del pallone. Fischetti suona la carica, Balekana prova a scappare lungo l’out di destra, ma a marcare sarà l’ala inglese James Elliott dall’altro lato del campo, smarcato al 35’ dall’assist di Junior Laloifi.

 

Nell’ultimo minuto del primo tempo i bianconeri ci credono, sfruttando l’occasione concessa dal placcaggio tardivo di Fischetti ma i padroni di casa fanno buona guardia e rientrano negli spogliatoi sul 24 a 3.

 

Ad inizio ripresa le Zebre provano ad azzannare la giugulare della partita, sfiorando il colpo del ko in due occasioni, complice un velo prima e un in avanti di Meyer poi.

 

Il flanker sudafricano sciupa la bella azione offensiva, innescata dal break di Balekana e dalla carica avanzante di Fiscehtti.

 

Al 53’ il Brive cambia tre uomini in campo, di cui due di prima linea, concedendo però proprio in mischia chiusa un calcio di punizione da posizione centrale. Il piede di Canna suona male ed è nulla di fatto.

 

Nei minuti centrali del secondo tempo comincia il traffico dalla panchina da entrambe le parti.

 

Partita che scende di colpi, con le Zebre che gestiscono bene il ritmo di gioco, facendo rifiatare gli Azzurri Biagi, Fabiani e Palazzani e concedendo minutaggio ad Ortis, Manfredi e Tenga.

 

I Transalpini crescono superato il giro di boa del secondo tempo, forzando un calcio di punizione intenzionale commesso da Carlo Canna.

 

L’apertura Azzurra sarà sanzionata con un cartellino giallo e in situazione di superiorità numerica il Brive trovano la via della meta al 68’ con l’ala Buliruarua e ancora al 75’ col tallonatore Da Ros.

 

Al 72’ Violi allunga dalla piazzola sul 27 a 10, ma al 76’ arriverà il secondo giallo in casa Zebre; questa volta è l’ala figiana Paula Balekana a farne le spese, lasciando la sua squadra in tredici uomini.

 

Nei minuti finale della gara gli ospiti ci credono, trovando anche la meta a tempo scaduto con Delarue.

 

Il parziale sorrideva però ai padroni di casa che vanno a centrare in sofferenza il loro secondo successo pieno consecutivo, superando il Brive 27 a 24 nel 3° turno di Challenge Cup.

 

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 9 dicembre, aprendo la settimana di allenamenti in vista della gara di ritorno contro il Brive, in programma venerdì 13 dicembre allo Stade Amedee Domenech nel match valevole per il 4° turno di Challenge Cup.

  

 

Please reload

Post recenti
Please reload

M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.