Dodici cambi e sei nuovi innesti nel XV delle Zebre in campo sabato a Parigi contro lo Stade Français nel 5° turno di Challenge Cup

10/1/2020

Oliviero Fabiani e George Biagi pronti ad agganciare Dario Chistolini al 2° posto in termini di presenze con la franchigia federale. 

 fonte@ZebreRugby

 

 

 

Dopo tre fine settimana di stop, si ritorna a giocare sui campi europei della Challenge Cup. 

 

Sabato 11 gennaio alle 15:00 le Zebre disputeranno la loro prima gara di sempre a Parigi, affrontando allo Stade Jean Bouin lo Stade Français nel 5° turno di coppa.

 

La sfida aprirà la terza ed ultima finestra stagionale della fase a gironi del torneo, la quale si concluderà sabato 18 gennaio a Parma, sempre alle 15:00, col match di ritorno tra Zebre e Bristol Bears.

 

L’incontro tra la formazione italiana e quella transalpina non avrà copertura televisiva, ma sarà trasmesso in streaming -previa registrazione- sul sito web ufficiale dell’European Professional Club Rugby Challenge Cup.

 

In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale della partita sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag di giornata #SFPvZEB.

 

Entrambe inserite nel Girone 4 della competizione in compagnia degli Inglesi Bristol Bears e dei Francesi del Brive, Zebre e Stade Français occupano rispettivamente il 3° e il 4° posto in classifica a quota 6 e 5 punti.

 

Le due squadre hanno infatti colto una sola vittoria in questa edizione di coppa e, a due giornate dall’epilogo della fase a gironi del torneo, sono di fatto estromesse dalla qualificazione ai quarti di finale, i quali vedranno la partecipazione delle cinque primatiste delle varie “Pool” e delle tre migliori seconde.

 

Questo sabato il XV di Michael Bradley avrà comunque l’occasione di pareggiare il bilancio degli scontri diretti con i Francesi, vincitori lo scorso 23 novembre della gara di andata disputata a Parma.

 

Fu quello l’unico precedente tra le due compagini, destinate ad affrontarsi questo sabato per la loro seconda partita in assoluto.

 

Bisegni e compagni proveranno pertanto a centrare il loro quarto successo di sempre in trasferta in Challenge Cup, al netto delle quattordici uscite complessivamente disputate nel corso delle stagioni 2014/15, 2015/16, 2017/18, 2018/19 e 2019/20.

 

Sebbene reduci da una vittoria con punto di bonus ottenuta sabato scorso in casa contro i Sudafricani Cheetahs, per i giocatori della franchigia federale non è il migliore dei momenti per affrontare i Transalpini dell’ex Sergio Parisse, provenienti da tre successi consecutivi infilati in Top14.

 

A conclusione del 13° fine settimana di gioco nel massimo campionato francese, la squadra parigina ha potuto infatti scavalcare in classifica l’Agen, attualmente ultimo a 18 punti.

 

Nonostante sia ancora ingabbiata in zona retrocessione, la formazione della Ville Lumière si è avvicinata minacciosamente a Pau, Bayonne e Castres, tutte e tre momentaneamente salve benché ferme a 23 punti, appena tre in più dello Stade Français.

 

Rispetto alla squadra titolare schierata contro i Cheetahs, sono dodici i cambi scelti da coach Bradley nel XV di scena a Parigi dove trovano spazio sei nuovi innesti arrivati nel corso dell’ultima campagna di rafforzamento estiva.

 

Si tratta dell’ala inglese Charlie Walker e del compagno di reparto Pierre Bruno, del centro adriese EnricoLucchin, del regista ferrarese Michelangelo Biondelli, del seconda linea irlandese Mick Kearney e del giovane flanker di madre sudafricana Lorenzo Masselli.

 

Novità anche in panchina col ritorno del tallonatore valtellinese Massimo Ceciliani dopo il lungo infortunio muscolare e del permit player delle Fiamme Oro Rugby Iacopo Bianchi, entrambi già schierati nei primi tre fine settimana di gioco del Guinness PRO14 2019/20.

 

Una terna tutta georgiana arbitrerà questo 5° turno di Challenge Cup.

 

A dirigere l’incontro sarà Nika Amashukeli, alla sua prima apparizione con i giocatori della franchigia federale in campo, i quali, oltretutto, non sono mai stati arbitrati da un primo fischietto georgiano.

 

In campo al Goldington Road di Bedfort nel 4° turno del Sei Nazioni U20 tra Inghilterra e Italia, Amashukeli sarà coadiuvato per l’occasione dai connazionali Shota Tevadze Saba Abulashvili.

 

La formazione dello Zebre Rugby Club che sabato 4 gennaio alle ore 16:00 scenderà in campo contro i Cheetahs allo Stadio Lanfranchi di Parma nel 10° turno di Guinness PRO14:

 

15 Edoardo Padovani* (82)

14 Charlie Walker (11)

13 Jamie Elliott (31)

12 Enrico Lucchin* (8)

11 Pierre Bruno (8)

10 Michelangelo Biondelli* (9)

9 Guglielmo Palazzani (Cap) (133)

8 Jimmy Tuivaiti (22)

7 Lorenzo Masselli* (3)

6 Maxime Mbandà* (49)

5 Mick Kearney (11)

4 Samuele Ortis* (18)

3 Eduardo Bello (39)

2 Oliviero Fabiani (115)

1 Daniele Rimpelli* (35)

 

A disposizione:

16 Massimo Ceciliani* (22)

17 Roberto Tenga (26)

18 Alexandru Tarus (8)

19 George Biagi (115)

20 Iacopo Bianchi (10)

21 Joshua Renton (27)

22 Junior Laloifi (5)

23 Leonard Krumov* (39)

 

All. Michael Bradley

 

Non disponibili per infortunio: Paolo Buonfiglio*, Francois Brummer, Tommaso Castello, Gabriele Di Giulio*, Danilo Fischetti*, Marco Manfredi, Marcello Violi*

 

Squalificato: Renato Giammarioli*

 

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

 

Arbitro: Nika Amashukeli (Georgia Rugby Union)

Assistenti: Shota Tevadze (Georgia Rugby Union) e Saba Abulashvili (Georgia Rugby Union)

 

 

 

Please reload

Post recenti
Please reload

M.S.Network Sas Nona Strada 19a 35129 Padova -I-

+39 0498079914

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed e' aggiornato secondo la disponibilita' e la reperibilita' dei materiali. Pertanto non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. I dati citati nel blog sono forniti come reperiti dalle rispettive fonti, ma non esenti da possibili errori di trascrizione. Qualunque azione presa dopo avere letto notizie riportate su questo blog non implica responsabilita' nei confronti degli autori del sito. Si consiglia quindi di verificare direttamente i dati nei siti di origine prima di intraprendere qualsiasi iniziativa.