top of page

Petrarca supera Rovigo 24-22 ed è in Finale Scudetto


fonte@Federugby



Lo Stadio Battaglini di Rovigo ha emesso questo pomeriggio il secondo verdetto del week end.

Rugby Petrarca supera i padroni di casa della Femi-CZ Rugby Rovigo 24-22 e strappa il lasciapassare per la Finale del 2 giugno: allo Stadio Lanfranchi di Parma affronterà il Rugby Viadana 1970 per la conquista del Titolo di Campione d’Italia Assoluto Maschile 2023/24.


Grande emozione per l’ingresso in campo solitario di Capitan Ferro, celebrato per le 200 partite in maglia rossoblù con un applauso di tutto lo stadio, parte petrarchina compresa.

Primi minuti con gli ospiti molto aggressivi sul breakdown, la difesa rodigina resta però sul pezzo e non regala metri facili agli avversari.


Al 9’ il primo strappo è di segno nero: gli avanti di casa recuperano palla attorno alla metà campo, ma non recuperano sul gioco al piede favorendo una exit tra Lyle e Bellini che la stessa ala trasforma nella prima marcatura pesante pressando sul tentativo mal riuscito di liberazione al piede di Sarto. Lyle converte, 0-7.

Padova non alza il piede dall’acceleratore annusando nell’aria il momento difficile dei Bersaglieri, che sono iper-sollecitati difensivamente sulle percussioni verticali avversarie.


Al 17’ il dominio patavino porta ulteriori punti in cassaforte: incursione degli avanti nei 22 in attacco, palla sventagliata larghissima da Lyle su Scagnolari che lascia sul posto il difensore tuffandosi in bandierina per la

seconda meta. Lyle è impeccabile dall’angolo, 0-14.


Per la Femi-CZ lo schiaffo fa da sveglia, e allo scavallo del primo quarto per la prima volta i rossoblù muovono palla efficacemente in territorio patavino sfiorando la marcatura e piantando la bandierina oltre la metà campo.

Alla mezz’ora il carattere rodigino salta fuori su una serie di iniziative uno-contro-uno che spezzano la gabbia difensiva ospite spedendo in meta Diederich Ferrario, bravissimo a pestare sulle gambe fino al tocco vincente sotto i pali resistendo a quattro placcatori. Dogliani converte, 7-14.


Il momentum è tutto per i padroni di casa, spinti da un Battaglini incendiato sulle tribune straripanti: Rovigo trova sempre più confidenza sul breakdown, con la coppia Chillon-Dogliani a dettare i tempi per il lancio di una linea veloce guidata da un Diederich Ferrario indemoniato: proprio il centro argentino al 36’ decide di sezionare la difesa con una corsa basculante che toglie gli appoggi all’opposizione, segnando una meta spettacolare poi trasformata da Dogliani per il 14 a 14 che manda le squadre al riposo.


Il flow della prima frazione non cambia, con la Femi-CZ a macinare metri sfiancando una difesa che sembra già in apnea: una meta sfiorata nei primissimi minuti diventa poi il penalty che al 47’ manda Dogliani a centrare i pali da una trentina di metri centrali. Primo vantaggio rodigino e match che in questa fase resta saldo in mano rossoblù, 17-14.


La panchina padovana cambia le carte davanti cercando di girare l’inerzia in fase di possesso, ma la difesa di casa è lucida e non registra cedimenti rilevanti, trovando campo in attacco fino al fallo forzato a terra dei patavini al 47’ che però Dogliani spedisce fuori.


Al 56’ il Petrarca torna a giocare nei 22 in attacco con un multifase ben costruito, che porta le maglie nere a cinque metri dalla meta, con azione disinnescata, però, dal bel lavoro degli avanti polesani.


Anche la panchina dei Bersaglieri dà ampio spazio ai cambi e al 58’ il Petrarca ottimizza la pressione nei 22 rodigini con una bella combinazione al largo, per la meta di  De Masi sotto l’acca che Lyle converte facilmente, 17-21.


Padova è nuovamente al 100% dentro la partita, che le due squadre affrontano in un ultimo quarto a viso aperto in tutte le fasi di gioco.


Rovigo tiene il possesso e al 66’ si guadagna un penalty che la squadra decide di giocare in touche: il drive è potente e ben timonato, spinto dall’urlo del Battaglini fino alla meta firmata da Cadorini, mentre Dogliani sbaglia da posizione facile per il parziale di 22 a 21.


Al 73’ fase di ping pong al piede, con Rovigo che non riesce a uscire dalla pressione commettendo poi un in-avanti davanti ai propri pali: mischia chiusa ad ingaggio ospite, i rossoblù non tengono e Piardi assegna il penalty che 3’ più tardi Lyle consegna morbido in mezzo ai pali per il nuovo contro-sorpasso, 22-24.


Ultimi minuti al cardiopalmo: Rovigo attacca palla in mano esplorando il doppio fronte, Padova fatica nei ripiazzamenti ma riesce a tenere la linea, poi l’ultimo minuto, con un in-avanti petrarchino che regala l’ultima palla buona all’attacco di casa.


Palla agli avanti, che lavorano un lunghissimo multifase nei 22 padovani: col fiato sospeso in extra-time la palla esce dalla parte rossoblù ma un passaggio gestito male lascia al Petrarca l’ultimo possesso buono per calciare fuori liberando tutta la gioia che merita la qualificazione alla Finale del 2 giugno.



Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 12 maggio 2024, ore 17.00

PlayOff Serie A Elite, Terza giornata – diretta RaiSport & DAZN

FEMI-CZ Rovigo v Petrarca Rugby 22–24 (14-14)

Marcatori p.t. 9’ m. Bellini tr. Lyle (0-7), m. Scagnolari tr. Lyle (0-14), 30’ m. Diederich Ferrario tr. Dogliani (7-14), 36’ m. Diederich Ferrario tr. Dogliani (14-14); s.t. 47’ c.p. Dogliani (17-14), 58’ m. De Masi tr. Lyle (17-21), 67’ m. Cadorini (22-21), 76’ c.p. Lyle (22-24)


FEMI-CZ Rovigo: Sperandio; Vaccari (65’ Lertora), Diederich Ferrario, Uncini, Sarto; Dogliani, Chillon (57’ Bazan Vélez); Casado Sandri (65’ Cosi), Sironi (68’ Casado Sandri), Meggiato (71’ Lubian), Ferro (cap.) (54’ Zottola), Steolo; Swanepoel (62’ Lastra Masotti), Giulian (54’ Cadorini), Leccioli (62’ Quaglio).

all. Lodi


Petrarca Rugby: Lyle; Scagnolari (75’ De Sanctis), De Masi, Broggin, Bellini; Fernandez (54’ Citton), Tebaldi; Trotta (cap.), Nostran (62’ Vunisa), Casolari (47’ Romanini); Ghigo (54’ Michieletto), Galetto; Hughes (47’ Montilla T.), Luus (47’ Bizzotto), Borean (56’ Brugnara).

all. Marcato


Arb. Andrea Piardi

AA1 Franco Rosella, 

AA2 Alex Frasson

Quarto Uomo: Francesco Meschini

Quinto Uomo: Mirco Sergi

TMO: Claudio Blessano

Calciatori: Dogliani (FEMI-CZ Rovigo) 3/5; Lyle (Petrarca Rugby) 4/4

Cartellini:

Note: Campo in buone condizioni, giornata calda circa 28°. 200 presenze in maglia rossoblù per il Capitano Matteo Ferro. Presenti allo Stadio 2950 spettatori.

Punti conquistati in classifica: (FEMI-CZ Rovigo) 1, (Petrarca Rugby) 4

Player of the Match: Tito Tebaldi (Petrarca Rugby)



Serie A Elite maschile – play off 2023/24

Girone 1

I Giornata:

Rugby Viadana  - Rugby Colorno 1975, 33-10

(Riposa Valorugby Emilia)


II Giornata:

Valorugby Emilia – Rugby Colorno 1975, 22-17

(Riposa Rugby Viadana)


III Giornata:

Rugby Viadana – Valorugby Emilia, 18-16

(Riposa Rugby Colorno 1975)


Classifica:

Rugby Viadana  9;

Valorugby Emilia 5;

Rugby Colorno 1975 1



Girone 2

I Giornata:

Femi-CZ R. Rovigo – Mogliano Veneto Rugby, 29-12

(Riposa Rugby Petrarca)


II Giornata:

Rugby Petrarca – Mogliano Veneto Rugby, 31-21

(Riposa Femi-CZ R. Rovigo)


III Giornata:

Femi-CZ R. Rovigo - Rugby Petrarca, 22-24

Riposa Mogliano Veneto)


Classifica:

Rugby Petrarca 9;

Femi-CZ R. Rovigo 5;

Mogliano Veneto Rugby 0




fonte@Federugby

Comentários


Post recenti
bottom of page